i vantaggi della fusione tra comuni

  1. I VANTAGGI DELLA FUSIONE

Per i comuni istituiti a seguito di procedimento di fusione è prevista:

  • Erogazione del contributo straordinario statale per 10 anni a decorrere dalla fusione
  • Erogazione del contributo straordinario regionale
  • Esclusione per il 2016 dall’applicazione delle regole del pareggio di bilancio per le funzioni concluse entro il 1° gennaio 2016
  • Priorità nell’assegnazione degli spazi finanziari regionali ai Comuni istituiti per fusione a decorrere dal 2011
  • Esclusione dall’applicazione delle regole in materia di acquisizione di lavori, beni e servizi (centrale di committenza) per 3 anni
  • Esclusione dall’assoggettamento dell’obbligo associativo per i comuni istituiti mediante fusione che raggiungono una popolazione pari o superiore a 3.000 abitanti o 2000 abitanti se appartenenti a Comunità montane per un mandato elettorale
  • Previsione di forme premiali nelle misure di incentivazione regionale
  • Esclusione da vincoli per le assunzioni di personale a tempo indeterminato nel limite del 100% della spesa relativa al personale di ruolo cessato nell’anno precedente
  • Subentro nei benefici, stabiliti dall’Unione europea o da leggi statali, di cui godevano gli enti estinti

. PERCORSO ISTITUZIONALE DELLA FUSIONE DI UNO O PIÙ COMUNI:

 

  1. I consigli comunali o gli altri soggetti ai quali spetta l’iniziativa legislativa predispongono un progetto di legge per fusione dei Comuni.
  2. Giudizio di meritevolezza del Consiglio Regionale.
  3. La Giunta regionale delibera sull’indizione del referendum, definendo quesito e ambito territoriale.
  4. Svolgimento del referendum e presa d’atto dei risultati.
  5. Il Consiglio regionale emana la legge di fusione.
  6. Elezione degli organi del nuovo Comune. Approvazione dello Statuto del nuovo Comune.
  7. Eventuale elezione/nomina degli organi dei Municipi.

FINALITA’

La fusione di due o più Comuni all’interno di una Provincia avviene con legge regionale, previo referendum consultivo e secondo il procedimento previsto dalla normativa regionale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

sei + 12 =